The Cramps

Musica

I Cramps fanno parte di quelle “sacre entità” appartenenti alla categoria “band della vita”.
Li vidi dal vivo (la prima ed unica volta, ahimè) quasi 15 anni fa, all’interno di un noto festival rock per supergiovani (io ero tra questi).
Chi decise di farli suonare alle 6 di pomeriggio probabilmente ritenne più importante dare risalto a band come gli AFI, evitando di rischiare con la scaletta e far conoscere ad una platea di adolescenti, dediti al culto primario dei Rancid, una tra le band rock più influenti di sempre. Ma anche uno dei frontman più carismatici e schizzati mai apparsi sull’orbe terracqueo… quel Lux Interior che, nel mio cervelletto, vedo tuttora posizionato alla destra di Iggy Pop.
Quando Lux morì nel 2009 fu un serio trauma, non mi ero ancora ripreso dalla morte di Ron Asheton ed apprendere la notizia della sua mesta dipartita fu una martellata in testa. L’unica nota consolatoria fu il sapere che aveva lasciato questo mondo tenendo fino alla fine le mani alla sua amata Poison Ivy.
Beh… la cosa strana con i musicisti che ti hanno rimescolato il sangue nelle vene e cambiato la vita è proprio questa: non li conosci personalmente ma riescono ad entrarti comunque nelle ossa.
E quando muoiono ci rimani davvero di merda.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Email this to someone

Leave a Response