Scheletri: Blue – Breathe Easy (A chi mi dice)

Ma a chi mi dice 
Che tornerai 
Non credo oramai 
Oh… a chi ti dice 
Che sto male pensandoti 
Tu sorridi voltandoti 
Verso lui …

Ma davvero ci servivano questi quattro marcantoni del Regno Unito, per spiegarci come funzionano le cose peggiori della vita, e quindi, per la maggior parte del suo tempo, la vita stessa?

Erano giovani, all’epoca più giovani di alcuni di noi, e allo stesso tempo più di quanto alcuni di noi lo siano adesso: avevano, nel 2003, età che oscillavano tra i 20 e i 25 anni; non erano più soltanto ragazzi, e non erano ancora uomini.
Con il loro primo album, del 2001, All Rise, arrivano alla prima posizione della UK Albums Chart, e resistono 63 settimane nella UK Top 75 Albums Chart, e vincono 4 dischi di platino in UK; con il loro secondo album, One Love, del 2002, arrivano alla prima posizione della UK Albums Chart, vi resistono per 2 settimane, vincono 4 dischi di platino, e, tra album e singoli, vendono 5 milioni di copie.

Sono diversi da noi, i Blue? Sì, ma non per i successi, non per le vendite, non per i premi: sono diversi perché sanno la verità; sono diversi per quella capacità di sintesi che non abbiamo mai avuto, e non raggiungeremo mai.

Non credo oramai.

Non credo, oramai: “Non voglio più crederci; non posso più farlo. Vorrei, ma quante ne ho passate? Quante ne abbiamo viste? Quante donne abbiamo posseduto, sedotto, abbandonato, e da quante donne siamo stati sedotti e abbandonati? Qualche decina di milioni, probabilmente.” Facile, se sei i Blue. Ma diocristo, quando ne hanno avuto il tempo, di scoprire così tante cose? Questa esperienza, questa saggezza: da dove la si ricava, se non la si è maturata in maniera naturale?

La risposta viene da Latina, e si chiama Tiziano Ferro: che sì, all’epoca aveva 23 anni, ma con certezza ne aveva già passate un bel po’: i 111 chili del liceo (nella mia testa peso sempre 111 chili il suo mantra) e quel piccolo fatto di esser gay e non sapere come rivelarlo.
I Blue splendidi interpreti: Tiziano fantastico paroliere.

Tiziano con un cuore grande così.

Tiziano con un cuore grande così.

I Blue, che sono stati partoriti a Disneyland, sono nati belli e hanno probabilmente avuto i primi rapporti sessuali a 9 anni, e con donne sposate e squisite; Tiziano, che è nato nella città di Manuela Arcuri e Elena Santarelli, è nato grasso e si è liberato sessualmente chissà quando.
I Blue che stanno male pensando a una lei che si volta verso un lui, e sorride, e pensa “quel coglione davvero sta ancora male per me?  Non ha saputo che nel frattempo mi sono scopata tutta l’Inghilterra e il Galles?”; Tiziano che soffre pensando a un lui che si volta verso un lui, il quale a sua volte sorride e dice “ma quel coglione sta ancora male per te? Non sa che nel frattempo ti sei scopato tutta Frosinone e mezza Rieti?”, e non può raccontarlo in giro.

Risultato: una canzone eccezionale.
Dopo Almeno tu nell’universo, la mia hit da doccia per eccellenza: complicatissima, serve la respirazione giusta, potenza vocale, una buona estensione, e soprattutto serve un grande cuore che soffre: come il nostro, come quello di Tiziano. (Paolo)

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Email this to someone

Leave a Response