Germania anno zero: il cinema delle macerie

Cinema

Nell’agosto del 1947 il Maestro Roberto Rossellini si avventura tra le macerie della Berlino bombardata e gira uno dei capolavori massimi del neorealismo. Il personaggio del piccolo Edmund, incastrato nella distruzione della seconda guerra mondiale, racchiude in sè tutto lo smarrimento morale e sociale di una Germania devastata, gogna dell’Europa.
L’ombra degli spettri di un passato vicinissimo, sulle spalle di un bambino, fa da miccia alla deflagrazione del significato stesso di fanciullezza; età trasformata in una terra di nessuno post bellica.
Germania anno zero” chiude con crudezza vivida la “trilogia della guerra” Rosselliniana, dopo “Roma città aperta” e “Paisà”. Un trittico storico che darà fama mondiale al regista romano ed un lustro epocale a tutto il cinema nostrano.

La grande guerra

Price: EUR 7,90

4.6 su 5 stelle

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Email this to someone

Leave a Response