Musica

Big Black, Rapeman e Shellac: 10 bombe a mano lanciate dalla sacra triade di Steve Albini

Come potremmo descrivere il buon vecchio Steve Albini? Cantante, chitarrista, produttore discografico, giocatore accanito di poker, ingegnere del suono, aficionado fumatore di sigari, guru dell’underground e critico musicale… una figura centrale e fondamentale per la nascita e lo sviluppo della scena alternative statunitense. Insieme alla sacra triade (Big Black, Rapeman e Shellac) ha segnato con il fuoco gli ultimi 30 anni, donando al mondo una serie sconvolgente di album assassini; pietre miliari animate da vagiti post hardcore, industrial, noise e math rock. Il notevole livello qualitativo della produzione albiniana, da Lungs (Ep di debutto dei Big Black del 1982) fino a Dude Incredible (l’ultimo disco degli Shellac, uscito nel 2014), ha sempre dimostrato una coerenza musicale rara ed in linea con il suo personaggio;  tremendamente onesto, controcorrente e pronto ad attaccare ferocemente i pilastri dell’Alternative USA (come non ricordare le sue sparate contro il Lollapalooza ed i Sonic Youth –secondo Albini- colpevoli, con la firma per la Geffen Records nel 1990, di aver fatto a pezzi lo spirito unitario della scena indipendente statunitense, aprendo a molte band la strada verso il pianeta major). Nei prossimi giorni parleremo degli Electrical Audio Studios di Chicago e del lavoro di Albini come ingegnere del suono\produttore artistico, un altro lato basilare della sua carriera, fulcro della nascita di album storici ed indimenticabili. Oggi ci ascoltiamo i brani che, per Dirt, rappresentano al meglio la devastazione sonora della sacra triade: 10 secchiate di acido muriatico sparate al volto senza scrupoli.
Big Black – Kerosene (Album: Atomizer\1986).

Shellac – My Black Ass (Album: At action park\1994)

Rapeman – Steak and black onions (Album: Two nuns and a pack mule\1988)

Big black – The Model (Album: Songs about fucking\1987)

Shellac – Doris (Album: Uranus Ep\1993)

Rapeman – Budd (Album: Budd Ep\1988)

Big Black – Racer-X (Album: Racer-X Ep\1984)

Shellac – Il Pornostar (Album: At action park\1994)

Rapeman – Up beat (Album: Two nuns and a pack mule\1988)

Shellac – Didn’t We Deserve a Look at You the Way You Really Are (Album: Terraform\1998)

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Email this to someone

Leave a Response